Acquistare un subwoofer non è sempre facile. Di base lo compriamo per avere dei bassi potenti e profondi, da usare per uno sistema home theatre con una soundbar oppure per uno stereo per casa.

Ci sono però delle cose da sapere per comprare il sub giusto per voi. Esistono i subwoofer passivi, non amplificati, e quelli attivi con amplificatore.

Ci sono i subwoofer wireless e quelli cablati che si dividono per qualità del suono, prezzo e potenza. Insomma vi consigliamo leggere questo articolo per arrivare preparati all’ acquisto. Inoltre alla fine ci sono dei consigli per l’acquisto dei migliori subwoofer.

qualità del suono di un subwoofer

La prima grande domanda che tutti si fanno è: un subwoofer migliorerà davvero i miei bassi? La risposta è affermativa, an che con il piú economico dei sub, avrai comunque un incremento dei bassi.

I subwoofer sono progettati specificamente per dare una spinta maggiore alle basse frequenza e funzionano eccezionalmente bene sia per la musica che per i film.

Tuttavia, c’è una cosa fondamentale che nessuno ti dirà sulla scelta di un subwoofer. La qualità del suono è importante, ma non è la cosa più importante. Altrimenti, ti consigliamo di spendere migliaia e migliaia di dollari per il subwoofer più grande che potresti trovare. Invece, è necessario considerare elementi come dimensioni, potenza in uscita e intervallo di frequenza. Non si tratta solo di avere i bassi più puliti; si tratta di avere il miglior basso per te . In altre parole, non preoccuparti troppo della qualità del suono in questa fase.

subwoofer-bose
subwoofer-bose wireless

Dimensioni subwoofer

Le dimensioni contano nel mondo dei subwoofer. La gamma e la qualità del tuo basso saranno in gran parte determinate dalle dimensioni del tuo driver.

Il driver è essenzialmente l’altoparlante del subwoofer: il cono circolare che emette il suono. Lo spostamento delle basse frequenze nell’aria richiede molta energia. Più grande è il driver, più energia sarà in grado di emettere, e questo significa anche un cabinet più grande. Ma quanto è grande?

Supponiamo che tu stia equipaggiando un sistema home theater o hi-fi in una stanza di dimensioni medie, tra i 20 e 30 mq.

In questo caso ha senso scegliere un subwoofer con una dimensione minima di 20-25 cm. Non solo questa è la dimensione del driver più comune disponibile, ma è anche la migliore per prestazioni/prezzo .

Un buon esempio di subwoofer da collegare ad un impianto Dolby, ma anche ad uno stereo hifi per aumentare i bassi è QUESTO QUI DELLA YAMAHA.

Yamaha NS-SW100 Subwoofer, Nero

Price: 229,00 €

5 used & new available from 209,00 €

Potenza subwoofer

Quasi ogni subwoofer che vedrai in commercio è un subwoofer attivo, il che significa che ha il proprio amplificatore interno, piuttosto che fare affidamento su un amplificatore esterno .

L’amplificatore interno è il cuore pulsante del tuo subwoofer e la cosa più importante è alimentare il driver dell’altoparlante. Quella potenza si misura in watt e comprenderla è la chiave per scegliere un buon subwoofer.

I subwoofer di solito hanno due tipi di wattaggio elencati nelle loro specifiche: RMS e Peak (potenza massima in uscita). A tutti gli effetti, puoi ignorare la potenza massima.

È una misura della potenza più alta in assoluto che un subwoofer può emettere quando lo porti al massimo.

Invece, ti consigliamo di prestare attenzione alla potenza RMS. RMS sta per Root Mean Square ed è a volte indicata come potenza continua. In sostanza, ti dà un’idea di quanta potenza può emettere un subwoofer quando viene portato a un volume ragionevole per lunghi periodi di tempo.

Ottimo in questo caso il NUMAN AMBIENCE subwoofer down firing da 25 cm amplificato, ottimo anche per sistemi 2.1 home theatre.

La cosa fondamentale da tenere a mente qui è che la potenza non è uguale al volume. Non importa quanto sia potente un subwoofer, puoi sempre abbassarlo. Invece, pensa ai dati di potenza come a un intervallo in cui puoi spingere il subwoofer. Maggiore è il wattaggio, più è probabile che il subwoofer riproduca un audio pulito e privo di distorsioni ad alto volume. Come regola generale, pensiamo che la maggior parte delle persone sarà completamente soddisfatta di una potenza in watt di circa 150-500 watt.

Subwoofer wireless e cablati

La maggior parte dei subwoofer dovrà essere collegata all’ alimentazione elettrica tramite spina a muro e poi con cavo RCA a sorgente audio.

Esistono subwoofer wireless: dai un’occhiata al subwoofer Sonos Sub , non costa poco.

Comunicano con la loro sorgente audio tramite Wi-Fi o Bluetooth e funzionano bene. C’è da dire che spesso i subwoofer wireless operano all’interno di un ecosistema chiuso.

C’è anche l’ottimo SUBWOOFER DELLA BOSE, casa statunitense famosa per i suoi prodotti audio di alta fascia.

Bose Bass Module 700, Wireless, Nero

Price: 899,95 €

3 used & new available from 899,90 €

Gamma di frequenza

Tutti i suoni hanno una frequenza: ci sono alte, medie e basse frequenze. La frequenza è misurata in Hertz (Hz) e per i subwoofer, essere in grado di capire la frequenza è piuttosto importante. Le note di basso ovviamente hanno una frequenza bassa, il che significa che un subwoofer in grado di raggiungere la frequenza più bassa possibile è, per definizione, un ottimo subwoofer.

Gli esseri umani possono sentire fino a circa 20 Hz e noi possiamo sentire fino a 10 Hz, che è la gamma di frequenze che fa rimbombare lo stomaco.

Più un subwoofer può avvicinarsi a queste frequenze, meglio è. La maggior parte dei subwoofer moderni riesce a raggiungere profondità di 25Hz, anche se alcuni estremamente costosi, possono scendere a circa 16Hz. Dovresti sempre provare ad acquistare un subwoofer che raggiunga i 25Hz, andrebbero bene anche i subwoofer economici da 50Hz.

Subwoofer frontali e down-firing

Un subwoofer frontale ha il driver principale rivolto in avanti. Uno “down-firing” ha il driver sul lato inferiore del subwoofer, puntato verso il basso nel pavimento. Ci sono differenze minime tra i due e quello che scegli dipende da dove prevedi di posizionarlo.

Se sai che sarà più vicino agli altoparlanti principali, allora potresti voler investire in un subwoofer frontale. Ma ancora una volta, puoi tranquillamente scegliere uno dei due senza troppi effetti negativi.

Se vuoi migliorare ulteriormente le tue prestazioni dei bassi, assicurati di avere un subwoofer “bass reflex”. Questi sono driver non alimentati che di solito puntano dai lati del subwoofer e possono aiutarti a trasportare i tuoi bassi all’esterno.

Subwoofer e ambiente

Più di ogni altro tipo di suono, il basso è particolarmente sensibile al suo ambiente. A causa della sua natura pesante e lenta, il basso tende a reagire male a stanze non ideali, raccogliendosi negli angoli e diventando fangose ​​e indistinte.

I produttori di subwoofer lo sanno e così tanti subwoofer contengono quella che è nota collettivamente come tecnologia DSP (Digital Signal Path). Essenzialmente, è un modo per migliorare e alterare il suono prima che venga effettivamente spinto fuori dalla parte anteriore del subwoofer, in modo che interagisca con la tua stanza in un modo più piacevole. UN MODELLO CHE CI E’ PIACIUTO MOLTO E’ QUESTO QUI, CON DEI BASSI STREPITOSI.

Klipsch, Subwoofer ad alimentazione

Price: ---

0 used & new available from

La calibrazione della stanza fa uso di un microfono incluso che si collega al subwoofer, che riproduce quindi una serie di toni di prova. Il microfono registra quei toni mentre rimbalzano nella tua stanza e il subwoofer si regola di conseguenza. Questa tecnologia può vedere importanti miglioramenti in chiarezza e realismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *